Contabilizzazione e termoregolazione

contabilizzazione e termoregolazione

Con la Delibera 2011-IX/2601 (modificata con la delibera 2012 – IX/3522), la Regione Lombardia ha stabilito che entro l’agosto del 2014 pressoché tutti i condomini dotati di impianto di riscaldamento centralizzato dovranno essere adeguati tramite l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore per singola unità immobiliare.

Le pesantissime sanzioni previste nel caso di mancato adeguamento entro i termini previsti, da 500 a 3000 Euro ad unità immobiliare, sono state però sospese fino al 31-12-2016. La sospensione delle sanzioni, dovuta essenzialmente alla crisi economica in atto, non altera tuttavia l’obbligo di adeguamento.

La stragrande maggioranza degli adeguamenti sarà ottenuta tramite l’installazione di valvole termostatiche sui singoli radiatori e la contabilizzazione indiretta ossia l’installazione sugli stessi radiatori di “contabilizzatori” comunicanti via radio.

Il contabilizzatore dovrà essere configurato con i dati del radiatore sul quale è installato, ovvero dovrà essere calcolata e dichiarata la potenza di ogni singolo radiatore presente nel condominio. E’ bene infatti chiarire che i contabilizzatori calcolano solo un numero basato sul valore di potenza del radiatore e sulla differenza di temperatura tra il radiatore e l’ambiente. Questo numero verrà poi trasformato in Euro solo in seguito all’aggregazione dei dati provenienti da tutti i radiatori del condominio ed al valore delle spese sostenute per il riscaldamento. Per far capire la delicatezza della questione, ognuno si troverà a pagare anche in funzione della lettura del contabilizzatore del vicino.

Fortunatamente la norma  UNI 10200:2013 – fornisce un rigorosissimo sistema di calcolo per un’equa ripartizione delle spese per il riscaldamento condominiale. Punto di partenza è un puntiglioso sopralluogo delle singole unità immobiliari per il rilievo dei radiatori ed il calcolo delle dispersioni, seguita da un’adeguata informazione per i condomini.

L’applicazione professionale della norme vigenti accompagnata dalla trasparenza e disponibilità dei dati nonché  la capacità di organizzare efficacemente i rilievi, avrà un’alta probabilità di preservare tutti da fastidiosissime contestazioni. 

Maggiori dettagli nella sezione News.